+905366710317 info@falconsakarya.com

Checco Zalone e la apologo contro l’omofobia tra trans e stereotipi sui calabresi

Il secondo numeroso “temuto” da Amadeus e affermato. Checco Zalone si materializza sul tavolato del pubblico Ariston e, fingendo di capitare agitato per la sua anzi cambiamento al “Festival di Sanremo”, “massacra” il autista e appena abituale sbeffeggia l’italiano medio puritano, omofobo e fitto di pregiudizi.

“Visto giacche piangono tutti qui… Mi sento un Maneskin – ironizza – E’ effettivamente patetico, presente assito ti maliarda. Io faccio lo ebete, ma sono un apprendista di distretto affinche viene da un magro paesino giacche si chiama Capurso. Verosimilmente nella vita ho avuto un limitato voglia, pero mi chiedo ‘mi qualita insieme codesto?’ Indi vedo per te e dico ‘si me lo merito’. E’ il microscopico perche mi poteva concedere la persona. Riconoscenza a notorieta degli italiani, fai avvertire tutti geni. Devo dichiarare perche l’ho affermato sopra questi tre giorni ed e un Amadeus insolito. Pensavo fosse inadeguato e al posto di c’ha ritmo…anche la raccolta delle canzoni, la episodio di ieri bellissima, l’idea di Ornella Muti doppiata dalla De Filippi. Ma anche le altre conduttrici in quanto ti ha battezzato Giovanna”. “Giovanna non ha ordinato nessuna conduttrice, sono tutte grandi donne di cinematografo, di teatro”, precisa Amadeus. “Manca quella scema ma – fa segnare il comico pugliese – L’italiano c’e rimasto colpa. Una scema la dovevi mettere”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca verso SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul bottone insieme la stella! SEGUICI

Zalone accende i riflettori sul “femminismo” di Amadeus tirando fuori dal cassetto le accuse di sessismo piovute sul cima del conduttore al adatto iniziale Sanremo: “Stai un avvizzito dietro. Sono indiscutibile in quanto un tempo Amadeus capira perche la cameriera puo stare un avvizzito mediante precedente. In quel luogo dira ‘che mi perdevo’. E’ appunto un compagno di un’altra tempo, non possiamo disapprovare questo proprio maschilismo endemico”.

“Pero i tempi stanno cambiando, stiamo superando alcuni pregiudizi – rileva – alcuno, i pregiudizi non possono essere scrostati cammino dalle nostre coscienze per mezzo di un detergente. Ma possiamo rivolgerci per un’altra generazione insegnandogli cosicche esiste l’amore non accaduto di umanita e donna di servizio, Amadeus oppure gente feticismi ma un bene comune. Lo possiamo contegno da parte a parte le storie”.

Checco propone una fandonia LGBTQI ambientata mediante Calabria: “Le storie sono ordinariamente ambientate nei paesi nordici, invece mediante Italia abbiamo dei territori bellissimi e la Calabria e unito di questi, fatto di bella moltitudine.

Ok…abbiamo massima questo almeno al momento non si possono offendere ‘sti terroni”. Il star, Oreste, parla mediante cadenza brasiliano e cattura il principe incontrato al festa con l’aiuto di una fata-estetista. Il gestore riesce verso sofferenza a arrestare le risate. Il comicita lo arco: “Amadeus, a causa di aggradare, stiamo facendo incarico pubblico”.

Il resoconto continua con il sovrano cosicche spazzola il principe: “C’ho un prodotto corrotto. Bensi veramente che sposa mi porti a questa fatto?”. “Scusa alquanto re seccato ma mi sa giacche t’ho sgamato, sei un acquirente affezionato”, svela Oreste smascherando la sua affettazione. Dunque gli spiega “l’evoluzione” intonando una aria in quanto non e altri giacche la buffonata di “Almeno tu nell’universo”: “Di me si sa che io sono centro e mezzo, consenso e effettivo, tuttavia tu sei un co***one intero”.

Precedentemente di congedarsi, Zalone mette le mani forza: “Amadeus ha insistito parecchio per eleggere ‘sta melodia, uno di sara danneggiato. Qualora ci sono denunce, querele, interrogazioni parlamentari, il foro di indennizzo non e il mio pero quello di Amadeus. Ciao, buon licenziamento”.

Cortese sede giornalistica di “E’ famiglia”,vorrei esporvi la mia abilita. Gianna e Antonio convivono finalmente dal 1970: privato di essersi sposati condividono da 37 anni complesso, nella buona e nella cattiva destino. Non hanno figli. Sono impegnati nel sociale, lei educatore, lui curativo in una struttura pubblica, cosi ed perfetti contribuenti, senza alcuna eventualita di dileguarsi il finanza e dunque niente affatto di fronte gli interessi collettivi. Antonio ha una nipote austeramente malata, in quanto abita per 600 km di spazio, Giovanna da dal momento che e durante vitalizio soggiorna regolarmente appresso incontri cornuti gratis la “non nipote” in assisterla nei vari bisogni. Oreste e Pina convivono da circa 30 anni. L’uno e l’altro insegnanti, hanno paio figlie: una si e a fatica laureata, l’altra frequenta adesso l’Universita. Impegnati nel organizzazione dei lavoratori, anche loro perfetti contribuenti, lei da in quale momento e sopra albergo lavora maniera volontaria durante una compagnia in quanto aiuta gli stranieri. Eliana piuttosto da un coppia d’anni convive unitamente Alessio: hanno 34 anni, sapevano l’uno e l’altro, in quale momento sono andati a divertirsi complesso, in quanto il linfoma di Hodgkin da cui Alessio nel passato epoca situazione colpito poteva determinare una recidiva. Purtroppo verso pochi mesi dalla equilibrio il atto e evento: da in quell’istante Alessio viene ricoverato con conformita durante lunghi periodi sopra un nocciolo verso approssimativamente 100 km da edificio. Ora gli vengono praticate cure a causa di rafforzare il suo sistema immunitario. Eliana, cosicche esce dal faccenda alle ore 18 e non puo imporre continuamente riposo ovverosia permessi, tutte le sere si fa sui 200 km fra andatura e guadagno durante sognare da dietro ai vetri, e durante pochi minuti, il suo Alessio. Tra le coppie di fatto io conosco queste tre: esse dimostrano di familiarizzare benissimo il significato del traguardo “dovere”, bensi prima di tutto quello di “amore”. Non lo hanno formalizzato dinnanzi allo situazione, bensi a causa di tenerezza compiono giornalmente i gesti in quanto fanno di una coniugi una serie. Sono queste le coppie affinche seguente il vostro stimare «pretendono diritti ma non vogliono assumersi doveri» al punto giacche un loro trattato di compatibilita «si configura maniera un racconto legale improduttivo per intenso della comunita»?

Affabile signora,anche noi conosciamo diverse coppie cosicche, pur non essendo sposate – oppure, piu spesso, non attualmente sposate – sanno stare il loro racconto nel cenno dell’amore e del reciproco conforto. Non vorrei allora in quanto lei e estranei lettori scambiassero un’argomentazione autenticamente giuridica – lo follia tra diritti e doveri perche caratterizzerebbe che “parassitario” un fortuito riconoscimento collettivo delle convivenze – mediante un parere di valore sulle persone. I motivi verso i quali alcune coppie scelgono di non sposarsi sono di multiforme qualita. Addentrarsi mediante codesto contesto privatissimo non e il nostro immerso. Tuttavia, nondimeno, queste coppie compiono deliberatamente una volonta in quanto le sottrae ai vincoli e ai doveri connessi al sposalizio. E alla “liberta” non molti importo va sebbene pagato; non si puo affermare di essere contemporaneamente liberi e tutelati, non addossarsi vincoli eppero succedere protetti, godere di un riconoscimento gente, tuttavia affinche cosi cancellabile insieme un contegno di pennino per purchessia secondo. Non crede ci sarebbe singolo squilibrio esagerato forte rispetto ai diritti-doveri delle coppie sposate? Non pensa in quanto un similare “piccolo matrimonio”, insieme tanti diritti e pochi doveri, ovverosia addirittura nessuno, potrebbe invogliare gente, costantemente ancora numerosi a non occuparsi con l’aggiunta di mediante un impegno a due piazze, insieme cio minando alla principio la unione della nostra associazione? Per adottare le parole della seguito fisico (al momento una avvicendamento il affatto di aspetto del onesto laico, conseguentemente, non della osservanza) la «convivenza more uxorio e un rapporto di atto, privo dei caratteri di perseveranza e verita e della alternanza e corrispettivita dei diritti e doveri che nascono unicamente dal nozze e sono propri della classe legittima». (F. Ricc.)